Peste suina, primi due casi di infezione nei maiali d’allevamento

Ascolta la versione audio dell'articolo

1' di lettura

Primi casi di positività da peste suina sui maiali. A individuarli, in un piccolo allevamento della zona rossa del Lazio, sono stati i servizi veterinari della Asl, secondo quanto confermato dall’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato. Da quando l’epidemia è scoppiata in Piemonte e in Liguria, lo scorso gennaio, finora la peste suina era stata riscontrata soltanto nei cinghiali selvatici. Il ritrovamento degli esemplari malati imporrà un cambio di passo nella strategia verso il contenimento del contagio: «Ora provvediamo ad abbattere velocemente tutt’attorno», ha fatto saversoe il Commissario straordinario all’emergenza peste suina, Angelo Ferrari. «Adesso zona rossa e zona di infezione verranno tutte riviste», ha aggiunto.

Soprattutto, i due casi di peste suina – che è spesso letale verso gli animali ma non è trasmissibile agli esseri umani – mettono a repentaglio i quasi 50mila maiali allevati nel Lazio. «Ora è necessario intervenire con la modifica immediata dell’articolo 19 della legge 157/1992 – scrive la Coldiretti – semplificando le procedure verso l’adozione dei piani di abbattimento approvati dalle regioni e il rafforzamento delle competenze dell’ufficio commissariale. Il repentaglio è che l’emergenza si allarghi e che siano dichiarate infette le aree ad elevata vocazione produttiva, con il conseguente pregiudizio economico che potrebbe discendere verso la filiera agroalimentare e l’occupazione in un settore strategico del made in ltaly»

Loading…

Similar Articles

Comments

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Advertismentspot_img

Instagram

Most Popular